• Gio. Giu 20th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

SPORT CENTO, CONTRI: “NUOVO PALAZZETTO E PALESTRA ANNESSA, ABBIAMO GIÀ PROGETTO E FONDI” – Poi rilancia la campagna sulla sicurezza al Rirò

DiGiuliano Monari

Giu 9, 2016
presentazione diego contri 12 febbraio 2016-1 Ampliamento del Palasport di Cento, più posti a sedere. E una nuova palestra annessa, a servizio del territorio. "I soldi ci sono, e senza pesare sulle tasche dei cittadini", annuncia il candidato sindaco
Diego Contri, che spiega: “Intendiamo attingere alle risorse della
ricostruzione dell’area ex bocciofila per dare una nuova casa alla
Benedetto e allo sport centese".
Al progetto hanno lavorato alcuni architetti e ingegneri che
sostengono la candidatura di Contri, che hanno elaborato anche
un’analisi dei finanziamenti "che consentirebbero di effettuare
interventi per: l’ampliamento del PalAhrcos, il potenziamento dei
posti a sedere nelle tribune e, con le economie, la realizzazione di
una nuova palestra, esattamente a fianco del palazzetto, che
servirebbe anche le vicine scuole medie”. “Siamo al lavoro per dare
piena concretezza alle nostre proposte. Non ci interessano le
‘sparate’, prima di annunciare interventi ne valutiamo, nel merito, la
fattibilità, con l’ausilio di tecnici ed esperti che compongono la
nostra squadra.  Vogliamo dare piena dignità allo sport centese, che
esprime tantissime eccellenze, e dare finalmente strutture adeguate
alle nostre squadre, che portano il nome di Cento in Italia e
all’estero”.

Dopo aver ottenuto il miglior risultato percentuale tra i candidati,
con quasi il 33% di consensi al primo turno, Diego Contri riaccende la
campagna elettorale in vista del ballottaggio. Lo fa con un’iniziativa
sulla sicurezza, domani - giovedì 9 giugno - alle 19,30 al bar Rirò di
Cento, recentemente bersaglio di furti.
“Siamo gli unici ad avere un programma fatto di contenuti - dice
Contri -. Il nostro ‘pacchetto sicurezza’ prevede l’installazione di
telecamere e la realizzazione di un circuito integrato per  la messa
in rete di immagini e dati, una maggior presenza di polizia municipale
nelle strade, con precisi obiettivi di presidio del territorio, la
richiesta di un’integrazione d’organico per le forze dell’ordine.
Ancora:  controlli e verifiche delle residenzialità contro
l’assembramento di immigrati nelle stesse abitazioni, piena
integrazione tra anagrafe, servizi sociali e polizia municipale per
incrociare i dati e risolvere le anomalie. Vogliamo inoltre - d’intesa
con la prefettura e il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica -
fondare il ‘corpo’ di volontari, formati per la sorveglianza del
territorio, pensiamo anche a convenzioni con agenzie di vigilanza
privata nei punti più 'caldi' del territorio, tra cui i parcheggi che
(è il caso, ad esempio, dell’area sosta del Santissima Annunziata)
sono diventati meta fissa di parcheggiatori abusivi molesti, che
importunano anziani, mamme, pazienti. Una situazione inaccettabile,
che intendiamo contrastare con ogni mezzo. Noi parliamo di contenuti,
non ci fermiamo a slogan superficiali. Le cose le diciamo apertamente,
guardando ai fatti”.