• Mer. Mag 25th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

AMELIO (ASCOM): “E’ ora di fare di più e di farlo davvero subito” le imprese sono sommerse da un carico fiscale opprimente

DiGiuliano Monari

Mag 5, 2014
marco amelio“E’ ora di fare di più ma aggiungo è ora di farlo davvero subito – osserva Marco Amelio presidente Ascom di Bondeno, Cento e Sant’Agostino – il tessuto socio economico del nostro territorio provinciale ed in particolare dell’Alto Ferrarese negli ultimi sei anni a causa della crisi si è modificato in maniera radicale e come se ciò non bastasse gli effetti del sisma del maggio 2012 hanno acuito questo stato di sofferenza economica: è giunto veramente il momento che le esigenze espresse nel documento – condiviso da Ascom, Cna e Confesercenti e presentato oggi (5 maggio) in Camera di Commercio – e nato da un confronto reale quotidiano con le nostre basi associative sia una delle priorità . In pratica che queste nostre istanze trovino applicazione e realizzazione concreta nei bilanci di previsione degli enti pubblici con un occhio di riguardo ai Confidi -strumenti nati per facilitare l’accesso al credito alle piccole imprese -e all’alleggerimento dell’imposizione fiscale perché è evidente che un capannone o un negozio non possono essere considerati un lusso – prosegue Amelio che ricorda – nell’ultimo decennio abbiamo assistito ad una declamata volontà di supportare, specie in periodi di campagna elettorale, le piccole imprese del Terziario ma in realtà abbiamo assistito ad un potenziamento della grande distribuzione organizzata favorita anche da una diversa esigenza di consumo.Ora dobbiamo trovare il modo di integrare le diverse esigenze distributive sempre avendo soprattutto a cuore la valorizzazione dei contri commerciali naturali.  Considerato i continui lamenti delle Amministrazioni Comunali sui tagli ai trasferimenti dallo Stato, gli interventi che sollecitiamo sono per lo più a costo zero ma possono essere decisivi per un imprenditore : mi riferisco in particolare alle esigenze  di regolamentazione di fiere e sagre piuttosto che ad azioni di semplificazione e sburocratizzazione piuttosto ancora a favorire la maggiore accessibilità e fruibilità dei dei centri storici. Faccio un esempio – conclude il presidente Amelio – per quanto riguarda la ristorazione: tutti sostengono a parole i ristoratori ma poi alla fine si finisce a potenziare le sagre. Addirittura c’è chi durante l’inaugurazione del Misen ha suggerito di inserire  la frutta nei nostri menù dei ristoranti tradizionali. Se tutti i problemi fossero lì…. Mi si consenta di dire – con una battuta purtroppo dal sapore amaro – che i nostri ristoratori,  sommersi da un carico fiscale opprimente e da mille obblighi e vincoli da svolgere su ogni tema, sono già….purtroppo alla frutta”. 

Lascia un commento