• Dom. Mag 29th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

CMV: Varato il Nuovo statuto – Alla firma Assenti Mirabello, Bondeno e S. Agostino

DiGiuliano Monari

Dic 11, 2013

esterno CMV giugno 2008Giornata storica oggi per CMV e per i tanti lavoratori dell’azienda. Questa mattina l’Assemblea dei soci ha approvato, davanti al notaio, il nuovo statuto che mette CMV in regola rispetto agli adempimenti previsti. In questo modo restano attivi tutti gli affidamenti così detti “in house” e vengono salvaguardati decine di posti di lavoro dando in via definitiva una prospettiva di lungo periodo alle politiche industriali intraprese dall’attuale CDA su indicazione dei Sindaci soci. In questa giornata di festa  – spiegano i sindaci di Cento, Vigarano Mainarda e Poggio Renatico in una nota congiunta – “si è però consumato anche un fatto molto grave. A votare a favore dello statuto il Comune di Cento, Vigarano Mainarda, Poggio Renatico e Goro. Assenti Mirabello, Bondeno e S. Agostino. L’assenza di S. Agostino e Bondeno, in particolare, è di assoluta gravità. I due comuni hanno infatti fatto sapere che l’assenza era da ricondurre alla volontà di non votare lo statuto, disinteressandosi completamente delle conseguenze, confermando ancora una volta l’assoluta loro indifferenza al futuro dell’azienda. Questi due comuni (Mirabello in quel caso era assente) alcune settimane fa avevano votato all’unanimità assieme agli altri la bozza definitiva dopo che per mesi tecnici di tutti i Comuni soci assieme a dipendenti di CMV avevano confezionato il testo dello statuto. Nessuna scusa dell’ultimo minuto, dunque: ci si trovava di fronte ad un testo condiviso e verificato dal punto di vista tecnico. Resta perciò inspiegabile ed incomprensibile l’atteggiamento di due amministrazioni comunali che continuano a relazionarsi all’azienda esclusivamente come clienti senza assumersi in nessuna sede le responsabilità di socio”.

 

Il Sindaco di Cento

Piero Lodi

 

Il Sindaco di Vigarano Mainarda

Barbara Paron

 

Il Sindaco di Poggio Renatico

Paolo Pavani

Lascia un commento