• Gio. Dic 1st, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

CONTRI, CONTRIBUTI TARI E AGEVOLAZIONI FISCALI PER NUOVI INSEDIAMENTI: “CENTO SARÀ CITTÀ DELLE OPPORTUNITÀ”

DiGiuliano Monari

Giu 14, 2016
presentazione diego contri 12 febbraio 2016-1Diego Contri lancia il progetto: “Fisco a misura di azienda”. Contributi Tari, compartecipazione alle spese fiscali, agevolazioni per stimolare la nascita di nuovi insediamenti industriali,
privilegiando quelli ad alta occupazione. “Vogliamo rendere appetibile
Cento ai nuovi investitori. Lavoriamo, insieme, per creare la città
delle opportunità”. Il progetto “Fisco a misura di azienda” viene
completato dalle proposte programmatiche elaborate da Contri e dalla
sua squadra per il sostegno alle start up, che prevedono - in sintesi
- “un fondo annuale da 100mila euro, rifinanziabile per i 5 anni di
mandato (per totali 500mila euro), per coprire i costi d’avvio
attività per gli under 40 che intendono sviluppare belle idee
imprenditoriali. Premieremo le start up più virtuose sostenendone, con
5mila euro, i costi d’avvio attività”.
“Misure reali e immediatamente realizzabili. Mentre il mio avversario
millanta di ridurre il fisco dopo che nella sua Sant’Agostino le
aliquote le ha messe al massimo (l’addizionale Irpef a Sant’Agostino è
allo 0,8%, addirittura superiore a quella di Cento, ferma allo 0,6%),
noi scegliamo la coerenza e la serietà, indicando fondi, capitoli e
stanziamenti, prendendoci impegni concreti. Come sempre: c’è chi parla
e c’è chi fa”.
“Indicheremo specifiche categorie per l’accesso ai benefici fiscali -
dice Contri -. Intendiamo incentivare: gli insediamenti produttivi che
portano più posti di lavoro e garantiscono valore aggiunto, gli
esercizi di vicinato, soprattutto nelle aree più isolate, poiché
rappresentano importanti presidi di valenza anche sociale. Ancora,
agevolazioni e sgravi saranno previsti per: il sostegno alle giovani
idee, l’imprenditoria sociale, in grado di garantire piena
integrazione col pubblico per sviluppare e potenziare i servizi alla
persona. L’Amministrazione che vogliamo affianca le nostre imprese, le
sostiene e ne supporta lo sviluppo, non ne è concorrente o, peggio
ancora, ostacolo, come qualcuno vorrebbe”.