• Dom. Gen 16th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

ECONOMIA, LAVORO E COVID: il vero rischio sarà la perdita di lavoro per migliaia di persone

DiGiuliano Monari

Ott 11, 2020

Di Giuliano Monari – Oggi si parla esclusivamente di corobavirus, di contagi, di lokdown, di asintomatici e di vaccini quando, la vera emergenza che rischia di diventare più mortale della pandemia stessa è il rischio che, una volta ‘liberalizzate’ le aziende dal vincolo di ‘non licenziare’ disposto dai decreti, si abbia una grave perdita di occupablità nel nostro Paese. Un rischio palpabile che rischia di creare un disagio sociale gravissimo in un’ampia fascia della popolazione. “Quando scadrà il divieto dei licenziamenti per le aziende sarà un momento critico. Temo che ci sia la necessità di riorganizzare le imprese, questo vuol dire ristrutturare. Io temo purtroppo che ci sarà non dico un’ondata, ma un numero molto importante di licenziamenti”. E’ l’allarme lanciato dal presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, intervistato dal programma ‘Piazzapulita’ su La7.

“Noi abbiamo presentato la nostra idea di riforma perché non possiamo pensare che tutte queste persone rimangano senza reddito in un periodo di crisi così grave. La mia sensazione che qui si stia pensando al posto di lavoro e non all’occupabilità della persona, ma il posto di lavoro non esiste più in quanto tale. L’economia sta cambiando, il mondo sta cambiando. Dobbiamo mettere la persona al centro”, aggiunge Bonomi, che in merito alla possibilità di nuove restrizioni causate dall’impennata dei casi di Covid in Italia dice: “Non possiamo permetterci un lockdown generalizzato per questioni economiche e di prospettiva sul futuro”.

Carlo Bonomi –  Foto da La Gazzetta del Sud

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Lascia un commento