• Mar. Giu 18th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

FERRARA: Tentata rapina ad uno studente in stazione, arrestato dai Carabinieri

DiComando Carabinieri

Nov 4, 2022

Nella tarda serata di mercoledì 02 novembre 2022 alla centrale operativa 112 dei Carabinieri di Ferrara è giunta una richiesta di aiuto da parte di un cittadino che ha segnalato un’aggressione/rissa alla stazione ferroviaria. Immediatamente sul posto sono state fatte confluire le pattuglie del Nucleo Radiomobile, della Stazione di Baura e della Polizia Locale di Ferrara che, giunte alla stazione hanno notato un uomo che brandiva un piede di porco, e cercava di colpire due giovani. Carabinieri ed agenti della Polizia Locale hanno bloccato e disarmato l’aggressore nonché raccolto le dichiarazioni dei testimoni presenti per ricostruire i fatti. Dai racconti e dalla successiva denuncia delle vittime, è emerso che l’uomo, poco prima dell’arrivo delle pattuglie, all’interno dello scalo ferroviario, armato di un coltello, aveva minacciato uno dei due studenti, intimandogli di consegnargli lo smartphone che aveva in mano. Un amico della vittima, che ha assistito alla scena, è intervenuto allontanando l’aggressore con una spinta per poi affrontarlo a mani nude, per contro il malfattore ha impugnato un piede di porco, che aveva con sé, ed ha cercato più volte di colpire i due studenti, in quel mentre sono sopraggiunti gli agenti della polizia locale ed i Carabinieri che dopo aver immobilizzato l’uomo violento lo hanno disarmato. Recuperati e sequestrati il piede di porco e il coltello, utilizzati per minacciare il giovane, ed aver raccolto la sua denuncia, i militari hanno proceduto all’arresto per tentata rapina aggravata di B.R., 63enne comacchiese, noto agli uffici di polizia, il quale dopo le formalità di rito è stato sottoposto agli arresti domiciliari sul litorale, come disposto dall’autorità giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida ed il processo con rito direttissimo. Venerdì 4 novembre il Giudice Monocratico del Tribunale ferrarese ha convalidato l’arresto e rinviato l’udienza dibattimentale, sottoponendo l’imputato all’obbligo di dimora. Prosegue, con importanti risultati operativi, la sinergia tra Carabinieri estensi e la Polizia Locale di Ferrara, collaborazione che negli ultimi tempi ho permesso di procedere a diversi arresti in flagranza di reato.

FERRARA: Sorpreso a spacciare cocaina arrestato dai Carabinieri.

Nel pomeriggio di giovedì 3 novembre 2022 i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Ferrara, in collaborazione col personale della Polizia Locale “Terre Estensi” del capoluogo, hanno arrestato S.G., gambiano 24 enne, noto agli uffici di polizia, irregolare sul territorio Nazionale e senza fissa dimora il quale, nel corso di un servizio antidroga finalizzato alla repressione dell’attività di spaccio nel centro cittadino, è stato sorpreso mentre cedeva due dosi di cocaina ad un tossicodipendente italiano, il quale, con una banconota da 100 euro in mano, ha ricevuto dall’extracomunitario due involucri contenenti le due dosi di sostanza stupefacente. All’atto dell’identificazione e dell’arresto è altresì emerso che l’africano era anche inottemperante all’ordine di lasciare il territorio dello stato, già impostogli dall’Autorità, ragion per cui veniva anche denunciato per la violazione della normativa sull’immigrazione. Dopo le procedure relative all’arresto il gambiano è stato ristretto nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale dei Carabinieri di Ferrara e venerdì mattina 4 novembre, è comparso avanti al Giudice Monocratico del Tribunale estense che, oltre a convalidare l’arresto, ha condannato l’imputato a 10 mesi di reclusione e 1.500 euro di multa, con obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria tre volate alla settimana.

MESOLA: Maltrattamenti in famiglia, arrestato dai CC finisce in carcere.

Nel tardo pomeriggio di giovedì 03 novembre 2022 i Carabinieri della Stazione di Mesola (FE) hanno rintracciato ed arrestato M.L., 43 enne portuense noto agli uffici di polizia, il quale è risultato destinatario di una misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal Tribunale di Ferrara. L’uomo già agli arresti domiciliari, essendo gravemente indiziato del delitto di maltrattamenti in famiglia commessi tra il 2021 e il 2022 in danno degli anziani genitori, ha più volte violato le prescrizioni imposte, determinando nell’autorità giudiziaria la necessità di procedere ad un aggravamento della misura in atto, adottando quella più efficace della custodia in carcere. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato quindi trasferito presso la casa circondariale “Satta” di Ferrara, ove permarrà in attesa di giudizio.