• Ven. Ago 12th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

l’Isit “Bassi-Burgatti” di Cento manifesta la solidarietà alle ragazze nigeriane rapite dai terroristi di Boko Haram

DiGiuliano Monari

Mag 15, 2014

bring backLa vicenda che ha coinvolto le circa trecento ragazze  nigeriane ha molto scosso noi studenti di prima Liceo delle Scienze Applicate dell’Istituto ISIT Bassi Burgatti.   Perciò, abbiamo deciso di rendere pubblici i nostri pensieri e le nostre riflessioni   con questo articolo. Le cose che più ci hanno colpito di questo evento sono state il rapimento in sé, avvenuto durante l’orario scolastico;  la conversione forzata all’Islam, fatto drammatico per qualsiasi persona ed, in particolare, per delle adolescenti, in quanto il credo religioso tocca la sfera più intima dell’essere umano;  infine, il fatto che vengano usate come merce di scambio, annullando il loro diritto alla libertà. Noi riteniamo tutti questi  atti una violazione dei diritti umani fondamentali e ci riteniamo fortunati di vivere in uno Stato in cui l’Istruzione è un diritto.  Con queste poche righe abbiamo voluto esprimere il nostro appoggio e il nostro supporto alle ragazze, come a voler fare aumentare la protesta che si è elevata da più parti del mondo e favorire, così,  la liberazione di queste, quasi, coetanee.

Lascia un commento