• Dom. Gen 23rd, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

MARIO ZUCCA E MARINA THOVEZ IN SCENA ALLA PANDURERA CON “SEPARAZIONE”

DiGiuliano Monari

Feb 17, 2020

Di Laura Guizzardi: “Separazione” è una commedia originalissima che abbraccia 8 telefonate interpretate da Mario Zucca e Marina Thovez, coppia nella vita e sul palcoscenico, in scena all’Auditorium Pandurera a Cento lo scorso 13 febbraio 2020. ”Separazione” scritta da Tom Kempinski (tradotta da Marina Thovez) e diretta dalla stessa Thovez è la storia di un rapporto telefonico tra Sara, attrice newyorkese, e Joe, commediografo londinese, ‘separati’ da un oceano. I due protagonisti della storia non si conoscono. Un giorno, Sara, decide di mettere in scena una famosa commedia di Joe e, per chiederne il permesso all’autore, lo chiama. Tutto finirebbe li, se non fosse che Joe, bloccato da tempo sulla pagina bianca, depresso, malinconico e malato di agorafobia, ha un forsennato bisogno di parlare con qualcuno. E chi, meglio di Sara, può essere definita ”la sua musa ispiratrice”. Da qui la trafila delle sorprendenti telefonate, che accompagnano il pubblico con risate e colpi di scena. Poi la scoperta della non casuale affinità tra la condizione di Sara e quella della protagonista della commedia; la possibilità della nascita di un amore e la voglia di ricominciare. Poi l’incontro, in cui Sara sfoga il suo sentimento dicendogli ”ti amo”, una frase forte che traumatizza il protagonista che la caccia fuori di casa senza dargli il tempo di parlare. Joe si tira indietro ed è di nuovo ”Separazione”. Un finale a sorpresa che lascia il pubblico senza parole, con un suggerimento che insegna a guardare da un angolatura insolita, un invito a lasciare la porta aperta con un segno di fiducia, in se stessi, nell’altro, e nella vita. Due ambientazioni opposte, una New York caotica con i suoi grattacieli e la Londra di Joe, accoccolata all’interno di un confortevole rifugio dal mondo cattivo, abbuffandosi nel cibo, senza avere contatti con le persone, ma solo attacchi di panico che riempiono le sue giornate accecate da una struggente malinconia. Nella vita, i due protagonisti, sono marito e moglie, e questo è un gioco di squadra eccellente per poter dare una luce ammaliante e un’affinità consolidata sia nella vita privata che sul palco. I due protagonisti di questa commedia ,Sara e Joe, sono due persone che hanno bisogno di essere capite ed ascoltate. In un mondo dove tutto è frenesia e il telefono è l’unico mezzo per poter parlare, cercando di ascoltare il proprio interlocutore. Nella vita siamo tutti “separati”: ogni piccolo egoismo, ogni paura, ogni trauma subito sono barriere che ci allontanano dalla felicità. Noi, non possiamo eliminare i nostri difetti, ma possiamo innamorarci dei difetti degli altri. La vita è il coraggio di riprendere in mano ciò che si è dimenticato. La morale della piécé sembra voler dire: ‘Diamoci una seconda possibilità, quando i sacrifici sono vani per poter avere il nostro angolo di felicità e serenità’.

Lascia un commento