• Dom. Giu 23rd, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

REGOLAMENTO CONTI A XII MORELLI, FDI INTERROGA L’AMMINISTRAZIONE

In seguito alle notizie, uscite sulla stampa, riguardanti il regolamento di conti avvenuto a XII Morelli il Coordinatore e Consigliere Comunale di Fratelli d’Italia Alessandro Guaraldi presenta un’interrogazione all’Amministrazione. Spiega così Alessandro Guaraldi:” Siamo profondamente dispiaciuti per quanto accaduto a XII Morelli, situazioni così pericolose possono turbare la vita di una frazione, sono eventi che non dovrebbero mai accadere. Si apprende dalla stampa che durante la colluttazione è stata utilizzata come arma improvvisata di difesa anche una bandiera italiana oltre a coltelli e altri oggetti estremamente pericolosi, tutto questo è davvero intollerabile, specialmente in un orario dove famiglie e bambini possono esser ancora in piazza. Ringraziamo in primis le forze dell’ordine che quotidianamente preservano la nostra sicurezza, anche quando accadono fatti altamente pericolosi.” Continua Guaraldi: “Condivido anche l’impegno del Sindaco, che sta mantenendo rapporti con Prefetto, Questore e Carabinieri per analizzare quanto accaduto. Risulta necessario però capire se tutto questo poteva esser evitato, se l’Amministrazione fosse a conoscenza già in precedenza di tensioni presenti in punti specifici della frazione. Per questo, come gruppo di Fratelli d’Italia, presenteremo un’interrogazione all’Amministrazione con l’obiettivo di comprendere come si possa agire concretamente. “Conclude Guaraldi:” Fratelli d’Italia ha già presentato da tempo diverse proposte inerenti alla sicurezza delle frazioni, ricordiamo che con un nostro Odg votato a unanimità abbiamo richiesto investimenti importanti per installare nuove telecamere che possano monitorare gli accessi nelle frazioni, è ora di rispondere a questa nostra richiesta che può aiutare direttamente anche le forze dell’ordine nel loro lavoro di tutela del territorio. XII Morelli e le altre frazioni non possono diventare territorio di bande e spacciatori, ma devono esser un luogo sicuro per imprese, attività e famiglie.”