• Dom. Mag 19th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

VAJONT – UNA STORIA DA RACCONTARE – UNA SUPERSTITE RACCONTA ALL’IC “IL GUERCINO” DI CENTO

DiFONTE COMUNICATO STAMPA

Mar 28, 2023
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ANCHE-WEDDING-pubblicita.gif
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AREA-CENTESE-300x160-px-CONTO-seguimigrande-2.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Banner_GIF-2.gif
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è logo-per-banner-2.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aucello-3.png
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fantozzi-petroli-grande-2.jpg

Il disastro del Vajont si verificò la sera del 9 ottobre 1963 quando una frana precipitò dal sovrastante pendio del Monte Toc nelle acque del bacino realizzato con l’ononima diga; furono coinvolti dapprima i paesi di Erto e Casso, poi l’inondazione portò alla distruzione del fondovalle, tra cui Longarone e la morte di circa 2000 persone tra cui 487 persone di età inferiore ai 15 anni. Michela è una sopravvissuta; quella notte era nella sua stanza quando sentì un grande tuono, strano perché l’estate era finita; aiutò la nonna a chiudere le imposte e tornò a letto. I ricordi sono confusi, ma si ricorda bene di una mano che tirava la sua per tirarla fuori dal fango. Oggi Michela è una nonna, ma la sua vita è stata segnata da quella tragedia in cui ha perso tutti i familiari: il padre che lavorava nella diga, la madre che lavorava in un hotel a Longarone, i fratelli e le sorelle, la nonna che abitava con loro. Solo del padre fu trovato il corpo. Michela vuole testimoniare anche questo: le vittime senza nome. Il suo racconto è lucido, è la testimonianza di chi non si arrende, di chi vuole ricordare in nome delle vittime, cercare una verità che sarà sempre più difficile da ricostruire. A 60 anni dal tragico evento, questa testimonianza ci ricorda che l’uomo non deve mettersi contro la natura; nel 2008, durante l’anno internazionale del pianeta terra dichiarato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, in una sessione dedicata all’importanza della corretta comprensione delle scienze della terra, il disastro del Vajont è stato citato tra i cinque “disastri evitabili”, causato dal fallimento nel comprendere la natura del problema. Gli alunni e le alunne presenti all’incontro, si sono alzati in piedi, commossi, in segno di rispetto delle vittime. L’incontro è stato organizzato grazie alla “Fondazione Vajont 9 ottobre 1963”.