• Sab. Dic 10th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

AMBIENTE, DOMENICA E LUNEDÌ MISURE EMERGENZIALI ANCHE A CENTO

DiGiulia Borgioli

Feb 4, 2017

di Giulia Borgioli

Durante la diretta web di questa mattina su areacentese.com, il vicesindaco Simone Maccaferri ha evidenziato il problema riguardante l’ambiente. Nella giornata di ieri, ha partecipato alla riunione convocata a Bologna dall’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo, per affrontare appunto l’emergenza aria e, a causa delle sedici giornate di sforamento dei livelli di Pm10 consentiti nel 2017, ha dichiarato che il Comune di Cento aderirà alle misure emergenziali stabilite.
L’ordinanza, dalla quale sono esclusi ospedali, case di cura, scuole, luoghi che ospitano attività sportive e siti sensibili, dispone per le giornate di domenica 5 e lunedì 6 febbraio, la riduzione di due ore della durata giornaliera di attivazione degli impianti termici e l’abbassamento delle temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati dove non potranno essere superati i 19°C (+ 2°C di tolleranza) per quel che riguarda abitazioni, uffici, luoghi per le attività ricreative associative o di culto e attività commerciali; e i 17°C (+ 2°C di tolleranza) nei luoghi che ospitano attività industriali, artigianali e simili. Inoltre, nelle unità immobiliari dotate di sistemi di riscaldamento multi-combustibile, sarà vietato l’utilizzo di biomasse (legna, pellet, cippato, altro) in sistemi di combustione del tipo “camino aperto”.
Nel caso in cui il bollettino settimanale emesso da Arpae nella giornata di martedì rilevasse ulteriori superamenti del limite, queste misure saranno adottate fino al 31 marzo 2017.
Si è discusso, inoltre, di Pair (Piano Aria Integrato Regionale), e la Regione ha confermato la possibilità di ridurre le limitazioni al traffico al solo centro cittadino, fatte salve le aree di salvaguardia e i mezzi che sono esclusi dalle restrizioni, fra cui quelli professionali. È bene evidenziare anche che i provvedimenti attuati da Cento sono stati coordinati con gli amministratori di comuni di analoghe dimensioni, come Formigine e Sassuolo, che non possono provvedere a pedonalizzazioni massicce a causa dell’assenza di trasporto pubblico e per la natura del proprio centro cittadino.

regione aria ambiente

vice in diretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.