• Dom. Giu 16th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

CENTO: LA GUARDIA DI FINANZA SEQUESTRA 5.000 PRODOTTI DANNOSI PER LA SALUTE PUBBLICA

DiGiuliano Monari

Mag 23, 2015

finanza centoLa Tenenza della Guardia di Finanza di Cento, in collaborazione con la locale POLIZIA MUNICIPALE, ha sequestrato in città 5.000 prodotti privi dei requisiti di sicurezza e conformità stabiliti dall’Unione Europea (Direttiva nr. 2009/48/CA sulla sicurezza dei giocattoli) e previsti dal Codice del Consumo. 

Si tratta in prevalenza di bigiotteria, giocattoli e materiale elettrico a bassa tensione (trasformatori, phon, rasoi, prese luminose notturne, macchinine radiocomandate ed altro ancora), privi dell’indicazione dell’eventuale presenza di materiali o sostanze che possono arrecare danno all’uomo, alle cose o all’ambiente. I 5.000 prodotti sequestrati sono stati rinvenuti in un “megastore” di Cento, il cui titolare è un cittadino cinese che vive a Rimini e possiede diversi negozi di articoli vari fra Romagna ed Emilia. Il valore commerciale della merce ritirata è di circa 20.000 €. L’intervento è stato eseguito nell’ambito dei controlli operati dal Corpo a contrasto del commercio illecito di prodotti recanti false indicazioni sulla provenienza dei prodotti.  I controlli hanno permesso di accertare che il titolare dell’attività aveva ricavato in uno dei locali del negozio, oltre 10 posti letto destinati a dormitorio per i suoi dipendenti, senza comunicare all’Autorità di Pubblica Sicurezza di aver dato ospitalità a cittadini stranieri come prevedono le norme in materia. Gli ulteriori accertamenti che verranno effettuati sull’identità delle persone ospitate, potranno permettere di verificare se nel caso in questione siano state violate eventuali norme di carattere penale ed amministrativo. Tra i prodotti dannosi per la collettività che grazie all’azione congiunta di Guardia di Finanza e Polizia Municipale sono stati ritirati dal commercio, sembra doveroso sottolineare in particolare la pericolosità degli articoli di bigiotteria (collane, braccialetti, orecchini) e dei giocattoli nonché degli apparecchi elettrici che possono essere utilizzati anche dai bambini con possibili effetti dannosi per la loro salute ed incolumità. Oltre alla responsabilità del commerciante, sono in corso di approfondimento quelle dell’importatore, che risulta essere anch’esso un imprenditore cinese. La legge infatti prescrive che l’importatore deve fornire ai propri distributori (clienti) le schede tecniche di conformità e l’analisi di certificazione della qualità dei prodotti immessi in commercio e, se trattasi di giocattoli, deve indicare su di essi la propria denominazione e le relative caratteristiche di funzionamento, tutte indicazioni che non risultano riportate sui prodotti sequestrati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.