• Lun. Dic 5th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

PARTECIPANZAGATE: LA PALLA PASSA AL MAGISTRATO GALLERANI CHE RISPONDE AL PRESIDENTE TASSINARI

DiGiulia Borgioli

Mar 4, 2017

di Giulia Borgioli

Dopo la pubblicazione da parte della nostra redazione di una nota stampa ricevuta a nome di nove Consiglieri della Partecipanza Agraria di Cento (compreso l’attuale presidente Aproniano Tassinari), abbiamo ricevuto una risposta dal magistrato Mirco Gallerani, il quale ha voluto rispondere alle accuse mossegli circa la non approvazione del bilancio di previsione anno 2017 e la discriminazione tra maschi e femmine nello statuto della Partecipanza. Ecco il testo integrale:

In merito all’approvazione del bilancio rispondono gli atti, per i quali il bilancio nella seduta del 21 dicembre 2016 è stato dichiarato dalla segretaria facente funzione, sulla base dei nove voti ottenuti, che non costituiscono la maggioranza assoluta dei (componenti del consiglio) votanti, come “NON APPROVATO”.
Solo quindici giorni più tardi, il 4 gennaio 2017, il segretario dell’Ente, ha sottoscritto un parere con il quale il bilancio doveva intendersi approvato.
Ricordo che detto bilancio prevede per lui un aumento di stipendio annuo pari a 22.300,00 euro Inoltre, solo il 16 febbraio 2017 la deliberazione n.16, relativa al bilancio di previsione è stata pubblicata all’Albo Pretorio e contiene un falso clamoroso dichiarando “Assiste il segretario Dott. Alessandro Tassinari”, che invece era assente.
Per sostenere la legittimità dell’approvazione di un atto così confezionato, il presidente di concerto con il segretario ha convocato il 6 febbraio 2017 una riunione di Magistratura, con modalità di tempi talmente ristretti (meno di quattro ore) al solo scopo di impedire la mia presenza, per incaricare un legale di propria fiducia ed escludendo l’organo di controllo regionale, di esprimere un parere pro-veritate sull’approvazione del bilancio.
Detto parere, naturalmente, non poteva che essere favorevole all’operato del segretario.
Pertanto, nei prossimi giorni, convinti che queste modalità non consentano l’approvazione del bilancio di previsione, nove consiglieri e non il solo scrivente, si rivolgeranno all’organo di controllo regionale per appurare la legittimità di tali comportamenti.

In merito al superamento della discriminazione tra maschi e femmine risponde il verbale di Magistratura n.16 del 3 novembre 2016, che seppure mai pubblicata la deliberazione, in evidente difetto di legalità, indica come la maggioranza dei presenti fossero contrari a rimuovere la discriminazione tra uomo e donna proposta da Gallerani.
Pertanto, non rimane che prendere atto di un metodo che sta sempre più allontanando la Partecipanza dalla legalità, avvicinandola a soluzioni di natura giudiziaria e commissariale.

IL MAGISTRATO
Mirco Gallerani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.