• Dom. Giu 16th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

PIEVE DI CENTO: inaugurato il ‘Museo delle Storie di Pieve’

DiGiuliano Monari

Nov 15, 2015

1Di Giuliano Monari

La città di Pieve di Cento ha il suo nuovo Polo Museale. Ieri pomeriggio, alla presenza del Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, dell’architetto progettista della Piazza della Rocca Valentina Casotti, di Belinda Gottardi, assessore alla cultura e sport dell’Unione Reno Galliera e dell’art director del Museo delle Storie di Pieve di Cento Matteo Bortolotti, il sindaco di Pieve Sergio Maccagnani ha inaugurato ilMuseo delle Storie di Pieve’presso la trecentesca RoccaePorta Bologna, una delle quattro porte monumentali che segnano l’ingresso della città, e lariqualificazione di Piazza della Rocca. Un colpo d’occhio degno di una città europea quello che il turista e visitatore si trova ad apprezzare nell’area completamente ripensata e ridisegnata, sia dal punto di vista strutturale che dell’illuminazione. Assieme a Bonaccini c’erano anche tutti i protagonisti di questo progetto che – come ha detto il sindaco – “porterà entro un paio d’anni ad avere un vero e proprio Polo Museale in una zona completamente riqualificata della città”. Durante la manifestazione inaugurale è stata conferita la cittadinanza onoraria al fotografo Nino Migliori. Ha fatto da cornice all’evento una splendida rievocazione storica in Piazza della Rocca a cura del Gruppo ‘Borgo del Diavolo’. Il Museo delle Storie di Pieve è un museo dedicato alla Storia della Comunità, arricchito di nuove tecnologie e di una nuova narrazione museale. Si occuperà di raccontare ‘i nostri primi mille anni’ attraverso i cambiamenti del nostro territorio, i nostri grandi personaggi e le eccellenze che nel tempo hanno segnato la nostra Storia. L’Archivio Digitale Fotografico ‘G. Melloni’ di Porta Bologna, parte del Museo, conterrà gli archivi fotografici comunali dall’inizio del ‘900 ad oggi, digitalizzati e consultabili con il gesto di una mano. Uno spazio e un progetto, quello di Museo Diffuso, ripensato per il visitatore contemporaneo: un luogo di costante interazione con le persone, facilitato dai social network e dalla speciale applicazione per smartphone e tablet. Il Digital Storytelling, la narrazione digitale, trasforma il nuovo Museo delle Storie in un museo ‘vivo’, continuamente arricchito dai contributi, anche video, dei cittadini.

20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.