DONAZIONE DEI CIMELI DI CARLO MALAGODI, MEDAGLIA AL VALORE

Visite: 14

«Rimasto unico ufficiale della Compagnia, continuava arditamente nell’avanzata, oltrepassando la linea nemica e rafforzandosi sulle posizioni conquistate. Contrattaccato da forze superiori opponeva tenace resistenza, impegnandosi in accaniti corpo a corpo finché venne gravemente ferito. Nella tregua concessagli dalle sofferenze inneggiava all’Italia e al Reggimento, esempio nobilissimo di valori militar e di devozione alla Patria». Per questo venne riconosciuta la medaglia  d’argento al valore militare al tenente di complemento del 68° Reggimento Fanteria Carlo Malagodi, per il valore dimostrato in azione di guerra sul Monte Santo il 20 maggio 1917. La figlia Erminia Malagodi – Bauer ha voluto donare i cimeli all’Archivio Storico di Cento, dove il militare è nato l’8 dicembre 1894. La consegna è avvenuta giovedì 7 giugno alla presenza dell’assessore ai Servizi Bibliotecari Mariacristina Barbieri e della responsabile Maria Teresa Alberti.

«Temendo che queste testimonianze andassero perdute, ho pensato che donarle fosse la cosa  giusta – ha spiegato Erminia Malagodi – Bauer -. Ho ritenuto che il posto migliore fosse la città natale di mio padre, da lui mai dimenticata anche dopo il trasferimento a Milano: il luogo da dove è partito coltivando quegli ideali e quei buoni sentimenti che sono parte della nostra famiglia. Per me è motivo di grande orgoglio che tutto quello che attesta il comportamento valoroso di mio padre ritorni». Confluiranno nel patrimonio dell’Archivio documenti, 6 medaglie, fotografie e la pergamena conferita dalla comunità centese il 12 gennaio 1919.

Un decisione che ha spinto anche il cugino Fabio Govoni a fare altrettanto con la documentazione relativa al nonno Luigi Malagodi, fratello di Carlo. «Sono emersi altri materiali – ha confermato – e ho pensato di unirmi a questa importante donazione».

«Un momento semplice e di cordiale solennità che ha suscitato molta emozione – ha affermato l’assessore Barbieri -. Siamo molto grati della generosa scelta di consentire alla nostra città di conservare la memoria di chi si è distinto nella storia patria, in questo anno particolare in cui ricorre l’anniversario della Grande Guerra. Contiamo, nel corso delle celebrazioni del prossimo IV Novembre, di valorizzare questo materiale».

Share Button

Share

Lascia un commento