ALAN FABBRI: “RISSA IN GAD: IL SINDACO OFFENDE I FERRARESI. LIBEREREMO LA CITTA’ DALLA MORSA DELLA VIOLENZA”

Visite: 575


“E’ offensivo, per tutti i ferraresi, l’atteggiamento del sindaco Tagliani che davanti all’ennesima dimostrazione della gravissima situazione di violenza che dilaga nel quartiere Gad invece di chiedere scusa a Ferrara per le colpe di una amministrazione incapace che ha ridotto intere zone a terra di nessuno, cerca addirittura di scaricare la colpa su Salvini con battute infelici e inappropriate. Il vicepremier, dimostrando come sempre grande attenzione alla nostra città sarà a Ferrara il 3 maggio e ha promesso di risolvere quello che il Pd ha creato con anni di totale menefreghismo. E il candidato del Pd risparmi ai ferraresi le vane promesse di chi fino ad oggi non ha mai mosso un dito per evitare che la situazione degenerasse fino a questo punto ed eviti di attaccare il ministro per nascondere le proprie gravissime responsabilità. Quello che è successo oggi è colpa delle politiche lassiste e gravemente inadeguate del Partito democratico da cui di certo, da ferraresi, non accettiamo battute improprie”.

Così Alan Fabbri commenta l’ennesimo episodio di violenza che si è verificato in zona Gad e che ha visto protagonisti immigrati nigeriani.

“La violenta rissa di oggi è accaduta proprio a ridosso di piazzale Castellina dove saremo presenti venerdì con un nuovo appuntamento per chiedere ‘sicurezza per tutti”, sottolinea Fabbri e le immagini sono quelle di una parte della città ostaggio di spacciatori violenti e pericolosi. Sono immagini che non possiamo più tollerare: Ferrara non merita tutto questo”, continua Fabbri. I ferraresi sanno benissimo purtroppo perchè ne sono stati vittima a lungo, quanti appelli e quante richieste l’amministrazione Tagliani e il Pd hanbbiano ignorato e deriso. Appelli e richieste d’aiuto che arrivavano direttamente dai cittadini e che nonostante il dovere che un sindaco ha di ascoltare, sono state completamente ignorate”, continua Fabbri. “Quando saremo alla guida della città le cose cambieranno: il quartiere Gad tornerà libero dalla morsa della violenza e della criminalità e garantire la sua rinascita sarà la nostra ossessione”, spiega ancora Fabbri. Esattamente come stiamo facendo ora e come abbiamo fatto negli anni passati saremo presenti, fisicamente, in quella e in ttte le altre in cui ce ne sarà bisogno, per allontanare i violenti, per far capire agli spacciatori e ai criminali affiliati alla mafia e alla criminalità nigeriana che quella, con noi alla guida d Ferrara non è e non sarà mai più terra loro”.

E conclude: “Ringraziamo sentitamente il vicepremier Matteo Salvini per la visita dei prossimi giorni. Come sempre dimostra una grande attenzione per la nostra città. Insieme riusciremo a liberare Ferrara dalla violenza e dal degrado”.

Share Button

Share

Lascia un commento