• Mer. Dic 7th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

CENTO: polizia in borghese “sta avendo ottimi risultati”

DiGiuliano Monari

Lug 10, 2016

polizia borgheseSta avendo sviluppi confortanti il servizio in borghese della Polizia municipale, lanciato dall’amministrazione comunale guidata da Fabrizio Toselli. L’obiettivo è quello di contrastare il fenomeno dell’accattonaggio (talvolta molesto) nella città del Guercino. E’ proprio durante uno dei controlli che nei giorni scorsi era stato fermato e segnalato alle autorità competenti un cittadino nigeriano nelle vicinanze di un bar in via Cremonino, che è risultato essere sprovvisto del regolare permesso di soggiorno. Ma c’è di più. Al momento di presentare un documento di identità, l’uomo ha esibito un passaporto nigeriano all’apparenza valido, ma da un’accurata perizia è emerso che il documento, con supporto autentico, era stato alterato nella parte dei dati anagrafici e della fotografia. Per questi motivi è scattata la denuncia a piede libero per la falsificazione del documento.
Lo scorso mercoledì mattina, sempre agenti in borghese, hanno fermato un cittadino straniero nell’area del parcheggio dell’ospedale che è stato sanzionato col sequestro di monete, che sono state ritenute provento della sua attività di parcheggiatore abusivo. Un tema caldo, quest’ultimo, che è stato ampiamente dibattuto nel corso della campagna elettorale per via delle lamentele sollevate da parte dei cittadini che oltre a dover pagare il ticket del parcheggio, si trovano costretti ad elargire un ulteriore obolo ai parcheggiatori abusivi.
«Ci tengo a ringraziare la Polizia municipale per l’importante lavoro che sta compiendo ogni giorno e la grande collaborazione – dice il primo cittadino che annuncia un altro importante servizio –. In accordo con il comandante Fabrizio Balderi, infatti, dalla metà del mese di luglio, tornerà in capo agli agenti il servizio di accertamento anagrafico relativo alla residenza. Questo, nell’ottica di un ancora maggiore controllo del territorio».
Sempre la Polizia municipale è stata protagonista di un’ulteriore indagine: a seguito di un incidente rilevato il 25 giugno scorso in via Giovannina, che ha coinvolto un cittadino pachistano a bordo di un Suv e una 14enne centese su un Apecar, è stato sequestrato un secondo documento risultato falso, il cui possessore è stato denunciato a piede libero: «Dal controllo documentale effettuato con apparecchiature in dotazione al comando – rivela il sindaco – e con la comparazione di schede tecniche è stato possibile appurare che la patente pachistana e il permesso internazionale di guida erano falsi. La persona è stata sanzionata con 5mila euro per guida senza patente e denunciata per uso di patente falsa».