• Lun. Giu 27th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

CORPORENO: torna a casa Graziano Gallerani, titolare della GALPE SRL di via Banche, presidente della Confartigianato di Cento e vice-presidente della Confartigianato Provinciale di Ferrara che rimase ferito il 5 luglio

DiGiuliano Monari

Lug 21, 2014

azienda via bancheDi Giuliano Monari

“Dopo il grave incidente occorso nella mattinata del 5 luglio 2014 e il ricovero in elisoccorso all’Ospedale Maggiore di Bologna, il signor Graziano Gallerani (titolare assieme ai figli della ditta GALPE srl di Corporeno )è rientrato, ieri, nella sua abitazione per il dovuto periodo di convalescenza, riposo e tranquillità”. Il signor Graziano e la sua famiglia hanno affidato ad un comunicato stampa redatto dall’avvocato di famiglia, lo Studio Legale Diegoli – Iuliano – Barbieri di Cento, la positiva soluzione ad un grave incidente sul lavoro che aveva destato non poche preoccupazioni. “Vogliamo ringraziare i sanitari intervenuti nell’immediatezza del sinistro – scrive il legale Avv. Giacomo Diegoli -, ossia il Dott. Daniele Cariani e le infermiere Rosalia Panzica e Laura Di Lembo per la professionalità e prontezza dimostrata, nonché tutte le persone e le istituzioni che si sono interessate, già nell’immediatezza, del grave infortunio.” L’uomo, titolare della GALPE srl assieme ai due figli, lo scorso 5 luglio stava lavorando ad un tornio, anche di sabato, come accade spesso nelle realtà artigiane, quando – per cause in corso di accertamento – un pezzo della macchina lo aveva investito con violenza colpendolo in pieno petto. L’imprenditore, che ricopre la carica di Presidente della Confartigianato di Cento e di vice-presidente della stessa associazione in ambito provinciale, cadde a terra ferito e fu immediatamente soccorso dai figli che diedero l’allarme al 118. Sul posto si recarono un’ambulanza, l’auto-medica ed infine l’elimedica con la quale l’uomo, date le gravi condizioni in cui versava, venne trasportato al Maggiore di Bologna da dove oggi è finalmente uscito per la doverosa convalescenza.

 

Lascia un commento