• Mer. Mag 25th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

ALBERONE: telenovela ricostruzione scuole – La Presidente del Comitato “dopo l’ennesimo progetto chiederò ai donatori se lo sottoscrivono o se rivogliono indietro i soldi”

DiGiuliano Monari

Ott 8, 2014

inaugurazione cantiere scuola alberone26maggio2013-420Situazione fondo SOS ricostruiamo le scuole di Alberone
In riferimento alla lettera ricevuta dall’amministrazione Comunale prot. N° 38196 del 14 Agosto
2014 nel quale si chiede di confermare la nostra donazione a favore della costruzione di una Scuola
dell’infanzia della frazione di Alberone ci preme precisare quanto segue:
1) nel periodo maggio-luglio 2012 l’Associazione Comitato Scuola Alberone, a fronte del crollo della
scuola elementare e della totale inagibilità della scuola materna ha sottoscritto una raccolta fondi
per la ricostruzione delle medesime volta ad aiutare l’amministrazione in questo gravoso e oneroso
compito. La somma che il comitato aveva a suo tempo promesso ammontava ad € 35.000 che a
fronte di un importo totale di € 275.000 era sicuramente un contributo di tutto rispetto per questo
progetto e per la nostra piccola frazione.
Da qui è partito il progetto di ricostruzione che prevedeva in prima battuta la realizzazione di una
scuola materna ma con la possibilità del futuro ampliamento dello stabile per riportare in esso la
scuola elementare, l’area di tale progetto era stata identificata in un ampio terreno in via Ghisellini
appositamente selezionato, pur sapendo che la popolazione non lo avrebbe gradito, proprio per
consentire il futuro ampliamento della scuola e poter quindi riavere nel nostro piccolo paese le due
scuole che il terremoto ci aveva tolto. Su tale progetto a maggio 2013 è stata fatta una pomposa
inaugurazione del sito, con invito di tutte le forze in gioco, donatori vari, partecipanza agraria,
popolazione e amministrazione al completo.
Nonostante tutti queste fastose cerimonie, tale progetto si è poi modificato in una sola scuola
materna, senza chiedere il parere ne dei genitori, ne dell’associazione, ne della Consulta del paese,

chiudendo definitivamente la possibilità, con l’accorpamento degli alunni della elementare di
Alberone a Reno (marzo 2014), di riavere la scuola elementare in loco.
Successivamente questo progetto si è ulteriormente modificato, spostando la sede della scuola dalla
via Ghisellini alla via Chiesa, sede della vecchia scuola elementare, facendo passare tale modifica
come una volontà popolare, quando in realtà tale scelta è stata calata dall’alto senza interpellanza
alcuna delle forze in gioco.
Ma non è finita qui…
L’ultima imposizione fatta agli Alberonesi è quella di non avere più neppure la promessa scuola
materna, tutto a beneficio di una “fantomatica” scuola dell’infanzia (asilo nido) per la quale senza il
contributo del Comitato pare che tale scuola non possa essere realizzata!
Ricordo che il contributo del Comitato è ben poca cosa in relazione all’ammontare totale degli
importi necessari per la creazione da zero di una scuola dell’infanzia.
Siamo orgogliosi che l’Amministrazione voglia contare ancora su tali importi, ma venendo meno i
presupposti per la raccolta fondi che prevedeva di ricostruire le scuole distrutte dal terremoto e si
parla di elementare e materna (noi non avevamo il nido), ci sentiamo in obbligo verso tutti coloro
che hanno donato i loro risparmi in favore di questo progetto, di rimettere alla loro decisione la
volontà di donare comunque gli importi per la realizzazione di questo ultimo progetto o se
desiderano la restituzione degli stessi.
Seguirà a breve un nuovo progetto per l’eventuale utilizzo dei fondi rimasti.

Lascia un commento