• Ven. Mag 20th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

FORZA CENTO: “Odori strani arrivano dal giardino della Scuola Pascoli. Decine di piccioni morti sui cornicioni e nel giardino della Scuola. Si può profilare un problema di salute pubblica?”

DiGiuliano Monari

Ott 1, 2013

 

Ricescuole pascoliiamo da Forza Cento

A proposito di degrado che regna incontrastato nella nostra bella città e che non ha termine .. Era da tempo che non passavo dalle parti della Scuola G. Pascoli che, per lungo tempo è stata  il fiore all’occhiello dell’istruzione centese . Da quella Scuola sono passate generazioni di centesi ! A guardarla ora;  nello stato pietoso in cui si trova, dopo la chiusura per i danni subiti dai colpi inverti dal terremoto, mi sorge tutt’ora una grande frustrazione e una domanda. Perché questo immobile pubblico l’unico, che può vantare un adeguamento sismico ( sono stati spesi circa 700 mila euri per l’intervento di adeguamento) è ridotto in queste vergognose condizioni ?? descriverle, è difficoltose per la sensazione di nausea che mi assale solo a pensare le condizioni di degrado e di abbandono a cui è sottoposto questo immobile in pieno centro storico! Il giardino è, oramai,  ridotto a una giungla creando un ambiente adatto per il rifugio di animali indesiderati. In questo ambiente trovano rifugio i piccioni, problema rilevante per Cento, per via della loro numerosa presenza e del notevole sporco per lasciano per le vie di Cento. Qui, oltre a sporcare trovano la morte ! Nel giardino e sui  ( vedi foto ) cornicioni della scuola si possono notare numerosi piccioni morti da tempo creando a nostro avviso, se la situazione non viene sanata un problema di salute pubblica. In alcuni punto del perimetro della recinzioni si possono avvertiti odori spiacevoli… Forza Cento chiede, perché, questi piccioni non siano stati rimossi subito e perché nel giardino non sono stati eseguiti i lavori di manutenzione ? Seppur l’immobile è chiuso… Forza Cento CHIEDE, CHE I NORMALI LAVORI DI MANUTENZIONE DEL GIARDINO SIANO DOVEROSI PER IL DECORO DELLA CITTA’

Lascia un commento