• Lun. Apr 15th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

In Emilia Romagna al via i saldi invernali dal 30 gennaio 2021, dureranno fino al 30 marzo

DiGiuliano Monari

Dic 2, 2020

I saldi invernali quest’anno inizieranno sabato 30 gennaio 2021.
E’ uscito questa mattina (02/12) il provvedimento della Regione che, accogliendo la richiesta di Federazione Moda Italia e Confcommercio Emilia Romagna, posticipa in via eccezionale l’inizio dei prossimi saldi invernali a sabato 30 gennaio 2021. 

“L’emergenza COVID-19 ci  sta fortemente preoccupando perché ormai da un anno sta mettendo a durissima prova – commenta Giulio Felloni presidente provinciale di Ascom Confcommercio e Federazione Moda Ferrara – la tenuta del sistema del commercio di vicinato in città come su tutto il territorio provinciale, impattando sull’intera filiera della Moda: è fondamentale trovare quindi il modo di rinsaldare il patto che lega il negozio di fiducia, l’esercizio sottocasa ad ogni singolo consumatore, cercando di ampliare il più possibile il periodo in cui sarà possibile garantire le migliori occasioni di acquisto”. 

Infatti sarà presto adottato dall’ Assemblea Regionale anche il provvedimento che eliminerà le previste limitazioni alle vendite promozionali nel periodo antecedente i saldi, consentendo nei fatti piena libertà al negoziante di attuare le più convenienti politiche di prezzo verso il cliente, naturalmente nel consueto rispetto di ogni norma sanitaria e a tutela dei diritti del consumatore. 

“Rimangono in ogni caso di fondamentale importanza i ristori ai negozi del settore moda che, lontani dall’attenzione mediatica e politica di cui godono altri settori economici, stanno pagando più pesantemente di altri le ricadute negative della pandemia” conclude il presidente Felloni. I saldi dureranno fino al 30 marzo.


Giulio Felloni 

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.