• Lun. Apr 15th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

POLIZIA DI STATO:CONTROLLI STRAORDINARI DEL TERRITORIO NELLE ZONE SENSIBILI DELLA CITTA’

DiGiuliano Monari

Gen 23, 2021


Continuano i servizi straordinari di controllo del territorio voluti dal Questore Capocasa con l’obiettivo di creare e mantenere la condizione di un’autentica tranquillità pubblica, riducendo la percezione di insicurezza dei cittadini.

L’attività viene svolta nelle zone più sensibili della città, dal Reparto Prevenzione Crimine di Bologna (unità operative specializzate nel controllo del territorio che rappresentano una task force di pronto intervento della Polizia di Stato, una risorsa strategica per servizi di alto impatto) e aliquote territoriali.

Un ragazzo extracomunitario alla richiesta di declinare le proprie generalità ed esibire un documento, mostrava un atteggiamento ostile, rifiutando ogni tipo di collaborazione, negando anche di esibire il documento d’identità. Veniva accompagnato in Questura, al termine degli accertamenti il giovane di anni 22 di nazionalità guineana, S.F.D., regolare sul T.N., con precedenti di Polizia per reati contro la persona, veniva denunciato per essersi rifiutato di dichiarare le proprie generalità ed esibire i documenti attestanti la propria identità.

Durante i controlli venivano effettuati alcuni accessi in abitazione al fine di verificare l’effettiva domiciliazione di diversi cittadini stranieri che, per ottenere il permesso di soggiorno, avevano presentato delle dichiarazioni di ospitalità nei predetti appartamenti.

Tali verifiche hanno permesso di accertare che tutti i locatari erano muniti di contratti d’affitto correttamente registrati e corrispondenti alle comunicazioni effettuate.

Solo all’interno di un immobile, ospitato da uno straniero regolarmente soggiornate, è stato trovato un cittadino nigeriano del 1985 privo di documenti che veniva accompagnato in questi Uffici. Dopo gli accertamenti di rito è emerso che lo stesso era irregolare sul T.N. e quindi veniva denunciato alla locale A.G. per aver violato le norme sul T.U. sull’immigrazione. Lo stesso veniva munito di espulsione e contestuale ordine del Questore a far rientro entro 7 gg nel proprio paese d’origine.

Infine, sono state elevate nei confronti di due giovani italiani, di cui uno del 1987 e del 1986, altrettante sanzioni amministrative di 400 euro ciascuna per aver violato le vigenti disposizioni in materia di contrasto all’emergenza epidemiologica covid-19, poiché si trovavano nel capoluogo senza giustificato motivo.

RISULTATI

  • 150 persone identificate di cui 15 con precedenti di polizia.
  • 30 veicoli controllati.
  • 07 posti controlli.
  • 5 esercizi commerciali controllati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.