• Mer. Feb 8th, 2023

Il primo giornale telematico di Cento

Dopo il ritorno “fuori sede” del carnevale torna a Cento la tradizionale liturgia religiosa/laica del patrono della città : S.Biagio

DiGiuliano Monari

Feb 3, 2015

fedeli a san biagioDi Franco Vergnani

Si passa così in soli tre giorni dal “patron” al patrono senza soluzione di continuità.

Pensare che come in certe zone d’Italia lo si festeggia con i resti del panettone natalizio ormai buono per tutte le stagioni, da noi lo si festeggia con torroni e cordone anti mal di gola, anche per ricordare che il buon S.Biagio originario di Sebaste, che fu oltre che vescovo anche medico che visse tra il III e il IV secolo legato al tradizionale salvataggio di un fanciullo che rischiava di morire strozzato da una lisca di pesce.
Ben venga allora questa tradizione, con la speranza di non confonderla con la festa della mamma o dei nonni,  non ci rimane molto da festeggiare da queste parti, la speranza che lo si possa fare a breve per qualcosa di concreto perché se come il torrone si sgretola  per la felicità del nostro dentista, la speranza che ciò che gli eventi naturali hanno sgretolato con tanto danno possano tornare a nuova vita, per tornare a festeggiare il nostro patrono là dove eravamo abituati a toccare la salute delle nostre ugole con quel cordone che non ci lega da troppo tempo ai luoghi della nostra memoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.